Guardia Sanframondi: “Al buio in pieno Ferragosto”

nessun commento

Stiamo uscendo dal fuoco dell’estate senza avere un mezzo profilo di chi guiderà Guardia Sanframondi nel futuro prossimo. Pochi giorni ci separano dallo svelamento delle liste e poco più di un mese dal giudizio elettorale ma non si intravede un favorito e nemmeno un duello tra favoriti o tra schieramenti antagonisti, come avveniva ai bei tempi. Perché gli schieramenti sono conformi, fluttuanti, si scompongono e si compongono in forme variabili e le combinazioni possibili ad oggi (e fino alla notte di venerdì) si riducono a tre. Le ipotesi, quindi, a questo punto sono almeno tre e a differenza del passato, hanno pari probabilità di riuscita o quasi. Il favorito di ieri era Gabriele Sebastianelli, ma oggi le sue probabilità di risalire nei consensi e nell’assenso di chi conta non sono superiori a quelle di tutti i suoi rivali. Amedeo Ceniccola resta la più grande incognita, la sua lista è ancora avvolta dal mistero, anche se è oggettivamente improbabile che abbia i numeri per vincere. L’appoggio a Floriano Panza alla scorse consultazioni ha creato troppe reazioni allergiche ovunque. Il terzo candidato, Raffaele Di Lonardo, ha oggi possibilità un po’ più alte di farcela ma non è un leader, è una formula: si chiama “Cantina”, ed è, come dicono, in forte risalita perché viviamo in un sistema politico che procede a fallimenti alternati, come abbiamo già scritto, e dunque ora dovrebbe essere il suo turno. Troppe facce però, sicure o annunciate all’interno di quella lista hanno irritato o irritano la maggioranza dei cittadini. E dunque per reazione spontanea i consensi tornano a rifluire verso Gabriele Sebastianelli. Ma il primo problema per il cartello elettorale di Sebastianelli è che non ha un programma politico organico e unito e a quanto sembra la sua non è una leadership condivisa, spaccata com’è dall’eredità di Floriano, per non dire dei delusi, più la galassia di boys pentiti, in retromarcia o pendolari. Non si tratta solo di rivalità personali ma di sfiducia reciproca sull’affidabilità e sulla durata (il Floriano ter non è ancora abortito). Puro intrattenimento, ricreazione, e basta. La “Cossa” – la vecchia Dc, per chi non è di Guardia o troppo giovane per ricordarlo – a Guardia scomparve più di trent’anni fa. Ma scomparve non vuol dire affatto che morì; semplicemente smise di apparire, ovvero si rese invisibile. Basta vedere chi sono i candidati. E Floriano Panza, che rappresenta la reliquia più vistosa del suo lascito curiale. A volte rimpiango anch’io la Dc; ma lo faccio in bagno, di nascosto, nel pieno delle funzioni corporali.

Intanto, quel che si può dire è una cosa amara: a Guardia abbiamo vissuto epoche di crisi elettorali anche tempestose nella nostra storia recente, ma forse non era mai accaduto che l’incertezza del futuro navigasse a vista tra così tante ipotesi fluttuanti. Siamo al buio in pieno Ferragosto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...