Guardia Sanframondi: “Non c’è posto per i meritevoli”

nessun commento

Ma dove sono finiti i giovani, “i capaci e i meritevoli” di Guardia nei programmi elettorali dei candidati sindaci? Fino a qualche anno di loro c’era traccia, ma non li vedo più, da nessuna parte. Nella vita pubblica, nella vita economica di questa comunità, se non nelle vesti di barman, chef e camerieri, perfino nei premi e nei criteri di giudizio. Nei vostri programmi non si vedono. Non c’è traccia di sostegno e riconoscimento a chi merita, a chi è capace. Nessun accenno ai giovani da sostenere. Leggo tra le righe dei vostri scarni comunicati e trovo ancora conferma: chi si è sacrificato per conseguire meritoriamente titoli di studi, per acquisire saperi ed esperienze, chi è bravo, chi ha cultura, chi è intelligente non è previsto, da nessuna parte. Se sei bravo, pussa via. Poi chiediamo dove se ne vanno i migliori: vanno all’estero o vanno in paranoia. Devono fuggire o arrangiarsi perché qui non c’è posto, non c’è spazio per loro, nessuno li considera. A parte il loro voto. Credetemi, non è un discorso rivolto solo agli avanzi dell’amministrazione uscente, che al momento sono i principali impresari di questa ondata e sono i testimonial viventi del non lavoro e dell’antimeritocrazia. Ma è un discorso che tocca questo paese scassato e profondamente ingiusto, che a ogni livello scoraggia chi merita, ignora chi è bravo, dà torto a chi ha ragione, e si limita a predicare in favore di chi è considerato a vario titolo bisognoso. Perché i giovani non compaiono nei vostri programmi? Perché si vuol continuare a favorire chi è dalla parte corretta e non chi è bravo e lo merita? O forse perché il metodo disegnato nell’ultimo decennio è diventato così generale che alla fine fa comodo anche a voi una generazione scadente e abusiva; una società guidata da palloni gonfiati o da droni asserviti? Così la società guardiese precipita, decade, s’imbarbarisce. Il danno peggiore, che possiamo fare a questo paese, al di là degli slogan di facciata, è questo: una società che calpesta quel primario criterio di giustizia, che scoraggia i capaci e meritevoli, finisce male. Dico ai giovani, dico ai migliori: fate bene ad andarvene, fate bene a nascondervi, fate bene a nutrire sfiducia. Qui non c’è posto per voi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...