Guardia Sanframondi e la resa dell’intelletto

nessun commento

A Guardia non c’è più dialettica. Quel che resta del dibattito politico, aggiungo, oscilla tra allineamento al re sòla e una timida insubordinazione: non c’è conflitto sui temi fondamentali per la comunità tra visioni opposte, non c’è ammutinamento all’interno della stessa massa critica oppure insubordinazione al presunto Capo o capetto che dir si voglia. Non si fronteggiano due visioni di comunità ma solo una fedeltà a priori: al capo vincente. Ma l’assenza più deprimente di dialettica riguarda il dibattito civile e la cultura. Non trovate più una discussione su temi di fondo che pure stanno a cuore alla maggioranza dei cittadini o letture critiche del presente, non affiora una divergenza sul piano delle idee tra chi, ad esempio, difende la tradizione secolare dei Riti Settennali ormai alle porte e chi propone, all’opposto, la loro spettacolarizzazione, tra chi difende la natura intima e penitenziale della manifestazione e chi la subordina agli interessi comunitari, tra chi difende la priorità delle famiglie guardiesi e chi s’inchina ai nuovi cittadini anglofoni; non c’è più una polemica culturale tra semplici cittadini e pseudo-intellettuali, nessun dialogo sui valori. Chi prova ad emergere si ignora, chi prova a discutere grida nel deserto. Non si discute, non si critica, non si tenta di capire. L’intelligenza si atrofizza o finisce ai margini, nel pensiero laterale, confinata agli estremi della semi-clandestinità. In questa comunità si vive tra Capo e coda, senza capire quel che sta nel mezzo. Come chiamare tutto questo? Disfatta dell’intelletto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...