Vicenda ex responsabile dell’Utc di Guardia: il silenzio del sindaco Panza

nessun commento

Basta: quanto sta accadendo da oltre un lustro a questa parte a Guardia è la dimostrazione che i marziani (e non gli americani) ci devono invadere. E lo dimostra il silenzio assordante sceso come una cappa maleodorante su tutte le questioni importanti che toccano la comunità, prima fra tutte la storiaccia dell’ex responsabile dell’Utc di Guardia: agli arresti domiciliari da oltre sette mesi. Si sa, anche nella nostra intatta provincia la mazzetta simpaticamente lubrifica, agevola, risolve. Guai se non ci fosse. Come dimostrano le carte dell’inchiesta. E pazienza se poi le opere costano il doppio o il triplo: le imprese sono contente, i politici pure. Ci rimettono solo i cittadini, con tasse sempre più alte e servizi sempre più scadenti. Quello che non è più tollerabile è che, sull’intera vicenda il sindaco Panza faccia finta di nulla. Insolitamente reticente. Eppure la persona coinvolta era il responsabile dell’Ufficio Tecnico comunale, nominato proprio dal sindaco. E tra l’altro, i cittadini a pochi giorni dal processo per direttissima, ancora non sanno se il Comune di Guardia si costituirà o meno parte lesa. Il sindaco Panza, sempre alla ricerca del titolo sui giornali, ha sempre una parola da dire a proposito e anche a sproposito di tutto: possibile che abbia perso la favella soltanto su questa vergogna? Ma quel che è più grave e che non si sente una voce che osi obiettare: “Scusa Floriano, non sarebbe il caso di informare i cittadini?”. Non vola una mosca. Intendiamoci: il silenzio non riguarda i dettagli, che anzi nelle carte dell’inchiesta vengono sminuzzati e scandagliati nei minimi particolari. Al di là dell’interrogazione presentata dalla minoranza consiliare, niente, nemmeno un plissé. Nemmeno il classico: “Non c’entriamo nulla. Siamo puri e immacolati come acqua di fonte”, da parte della maggioranza. Probabilmente dopo anni trascorsi a fingere di non vedere, farlo ora tutto d’un colpo pare brutto. D’altronde sono anni che raccontano balle e tutti ci credono. Perché dovrebbero smettere proprio adesso? Hanno ragione loro. Con buona pace delle malelingue, quindi tutto bene. Eppure, vista dall’alto, oggi la casa comunale ha le sembianze più di un termitaio impazzito di gente in fuga, inseguita e in attesa di essere acciuffata dai gendarmi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...