Cara Opposizione…

nessun commento

GUARDIA consiglio comunale 6Sappiamo tutti che alle ultime amministrative Floriano ha sfondato perché ha potuto offrire al cittadino-elettore guardiese, per vie dirette o indirette, piccoli vantaggi e immediate utilità che il cittadino non ha respinto; non si è chiesto quale sarebbe stata la contropartita, non ha indagato, non ha denunciato, ha lasciato crescere quella zona grigia dove avvengono gli scambi e dove portatori di voti sono anche portatori d’interessi. Si poteva davvero pensare che Guardia fosse immune da tutto ciò, dall’intreccio tra favoritismo e voto di scambio? Certo che no! Ma non si può nascondere che la compagine antagonista si è dimostrata subito inconsistente, nevrotica, inerme, senza rispetto di sé, mendicante di consensi e favori senza verificarne la provenienza, connivente per via indiretta. Incapace, fragile, ottusa. Un mix micidiale. Un tessuto permeabile, soprattutto quando è diventata una collazione di casi personali e di carriere individuali a scapito del resto.

So di essere un provocatore di nostalgia e so bene che dalle mie parole emerge un quadro spietato (ma lucido), ma oggi quel che resta di quella compagine, la minoranza consiliare, continua a non saper rischiare, tentare davvero di cambiare le cose, lasciare un segno vero sulla comunità, essere popolare e non chiusa in un cameratismo di setta de’ noantri. Non osa. Mantiene un così perfetto stile a zero visibilità che ancora cinque mesi dopo la nomina, arrivando in municipio, deve mostrare i documenti per poter entrare.

Cara Opposizione, informate i cittadini-elettori, così poco avvezzi, ultimamente, a sentirsi chiamati in causa come popolo, come entità per qualcosa che non sia una vittoria sportiva. Incontrateli! Spiegate loro che in questa comunità esiste un’altra narrazione della realtà. Spiegate loro che non stiamo vivendo un’epoca magnifica, tutta pompa e tutta magna, tutta d’ingegno e destinata ai più luminosi approdi. Provate a fargli capire quel che andrà in scena nei prossimi anni. Spiegategli che vivere a Guardia, nel regno di Floriano, amare questa comunità non è roba per vecchi intristiti. Ristabilite un punto di contatto con la loro identità finita nelle segrete del pensiero unico, dell’Essere unico. Provate a far capire loro che Guardia è trascurata come una mignotta dalla mediocrità degli animatori politici che siedono insieme a voi nell’Aula consiliare, stuprata dalla loro delittuosa incapacità. Fategli capire che prima della Falanghina da esportare in Massachussets c’è una cultura da riscoprire e difendere e una comunità da ripensare. Provate a fargli capire che nessun guardiese deve offendersi ma provare nostalgia. Ecco, provare nostalgia forse è la cura, sveglia il ricordo, riporta all’origine. Provate a fargli capire che la bellezza di questa comunità, non durerà per sempre se non curata. Provate a dirlo ad alta voce.

Cara Opposizione, spiegatelo ai cittadini, tra le mire di Floriano, tra paraculi e paraculezze, che siamo ancora guardiesi, nonostante tutto. State in mezzo a loro, coinvolgeteli, rinfrescate ogni giorno la loro memoria delle castronerie di Floriano e dei suoi yesman… non fate gli eletti. Non è cosa vostra.

Oh, ci svegliamo? Vi svegliate? E dai, su.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...